« torna alla gallery
budello venice v

Budello Venice tipo “V”

Può essere montata su questi strumenti

violino

Violino, viola, cello storico

basso rinascimentale

Basso rinascimentale

liuto

Liuto / Chitarra barocca

 violone
Sol, Re Violone
ATTENZIONE: Da utilizzare soltanto per registri Medi e Bassi. Non utilizzare le corde Venice come prime corde

INTRODUZIONE

Nell’ iconografia del XVI° e XVII° secolo le corde degli strumenti musicali si presentano piuttosto arricciate, lisce e avvolte a mazzetto nel tratto non utilizzato sullo strumento, come se si trattasse di morbido spago. Questo aspetto visivo lascia intuire una grande elasticità posseduta dalle corde del tempo, la quale non può che ripercuotersi sulla resa acustica.

Le corde di budello moderne invece, a causa della loro maggiore rigidità, possono essere conservate unicamente secondo un profilo circolare, pena il loro danneggiamento. Partendo da questa importante osservazione iconografica, che suggerisce una particolare elasticità posseduta dalle corde del tempo, e supportati da ulteriori informazioni storiche abbiamo realizzato le corde VENICE.

CAMPO DI APPLICAZIONE

Corde oliate caratterizzate da un notevole grado di elasticità e morbidezza, superiore a quella di qualunque altra corda di budello naturale oggi presente sul mercato. Questo si traduce in una sorprendente prontezza di attacco e una buona ricchezza di armonici superiori.
Disponibili in una grande varietà di diametri e lunghezze, le corde “VENICE” risultano particolarmente indicate per registri medi negli strumenti musicali con montatura rinascimentale e barocca, ad esempio la II° e la III° del Violino; la III° e la IV° della Viola da Gamba rinascimentale (Tenore e Basso soltanto) e dei cori 4 e 5 del  Liuto (Rinascimentale e Barocco);  infine come II° e III° del Violone.

AVVISO

In sostituzione delle corde di tipo levigato proponiamo la nuova linea di corde: il  tipo semirettificato.

Esse presentano una superficie solo parzialmente lisciata, giusto il necessario per renderle regolari ed evitrare il rischio di falsità.
Questa nuova tipologia -da noi a lungo studiata-  permette così di imitare al meglio il sistema di levigatura manuale delle corde di un tempo.
Tramite questo metodo la quantità di fibra superficiale danneggiata si riduce pertanto notevolmente rispetto alle corde rettificate  -oliate o verniciate-  realizzate secondo la procedura corrente.

I vantaggi sono costituiti da una maggior stabilità ai cambi climatici, maggior durata della corda, migliore resa acustica.

PER SAPERNE DI PIÙ

Per saperne di più leggi le nostre F.A.Q.

PREZZI BUDELLO VENICE “V”

Ordine minimo: 50 euro (IVA esclusa)

NOTA: A causa della speciale tecnica manufatturiera utilizzata per la realizzazione del tipo semirettificato, i diametri presenti in tabella indicano soltanto il valore medio di diametro. Es: la corda contrassegnata come  120V  sta in realtà ad indicare un oscillazione di calibro compreso tra 118 e 122.
I diametri sono espressi in centesimi di mm (es. 120 V = 1,20 mm)
EURO IVA esclusa
CODICE Lunghezza 120 cm Lunghezza 180 cm
68V 12,10 /
70V 12,10 /
73V 12,10 /
76V 12,10 /
79V 14,60 /
82V 14,60 /
85V 14,60 /
88V 14,60 /
91V 14,60 /
94V 15,80 /
97V 15,80 /
100V 15,80 /
104V 15,80 /
108V 15,80 /
112V 17,00 /
116V 17,00 /
120V 17,00 /
124V 19,40 /
128V 19,40 /
132V 19,40 /
136V 19,40 /
140V 23,00 /
145V 23,00 /
150V 26,60 /
155V 26,60 /
160V 26,60 /
170V 28,50 /
180V 28,50 /
190V 30,70 /
200V 33,40 67,90
220V 33,40 67,90
240V 39,90 79,70
260V 39,90 79,70
280V 48,40 96,20
320V 53,70 107,40
340V 55,40 110,80
400V / 121,00
420V / 132,00
440V / 140,80
460V / 149,60

GALLERIA

Corda VeniceTazza d’argento, di epoca imperiale romana: dettaglio delle corde della Cithara (dal tesoro di Berthouville, Normandia)Urna etrusca del II – I sec. a.C.: particolare delle corde di Cithara (Museo Etrusco “Guarnacci” di Volterra.