Approfondimento sul budello di mucca

La maggior parte delle corderie professionali di oggi utilizzano budello di provenienza Bovina invece che Ovina. Dal punto di vista storico le prime menzioni circa l’uso di questo materiale risalgono già alla metà del XVIII secolo ma non si sa se veniva utilizzato anche per scopi musicali.
La produzione delle strisce (Serosa) è di tipo industriale e si realizza mediante apposite macchine che tagliano l’intestino in strisce dette Splitting machine.

Vedi anche questo video:

In pratica, la porzione di intestino detto ‘Runner’, che è lungo fino a 40 -45 mt e ha un diametro di 45-50 mm, viene tagliato dal lato libero da grasso in due o tre strisce longitudinali mentre il rimanente, pari a circa ¾ del materiale, costituisce lo scarto (utilizzato poi per altri scopi).

Nel budello Ovino, invece, si utilizza l’intera porzione di intestino, sia tagliato a metà che intero.

Le strisce ottenute da questo taglio (dette in gergo tecnico ‘beef Serosa‘) sono in realtà un sandwich di due membrane: quella da utilizzare detta layer L1, le cui robuste fibre sono disposte longitudinalmente, e quella detta layer L2, le cui fibre sono invece disposte trasversalmente ed è debole.

Si rende pertanto necessaria la separazione del layer L1 da quello L2, operazione che può essere eseguita sia manualmente che mediante un apposito macchinario.

La presenza più o meno abbondante di layer L2 post separazione è la causa principale di rottura delle corde, e non è possibile poterlo prevedere semplicemente osservando le corde.

Le strisce di Serosa del solo layer L1 sono prodotte con larghezze decise da standard internazionali, ad uso fili da sutura e corde da tennis, come ad esempio 19, 16, 14, 8 mm, e sono di lunghezza adatta ai telai per la produzione industriale di fili chirurgici e corde da tennis (da 6 fino a 12 metri).

Le strisce di Serosa vengono poi a costituire la cosiddetta ‘mazza‘, composta da 100 fili, poi salata per la conservazione e il trasporto:

L’impiego della Serosa di bue permette questi interessanti risultati:

  • Alta produttività, velocità di lavorazione e bassi costi finali;
  • Alta riproducibilità tra le varie partite di corde realizzate;
  • Elevata resistenza alla trazione.

 

Tutto questo si traduce nel fatto di poter servire un vasto bacino di utenza a prezzi contenuti e qualità standard, tutti aspetti questi in buona parte non accessibili utilizzando budello di provenienza ovina. Se le corderie cessassero di realizzare corde in budello bovino ci si dovrebbe aspettare un forte rialzo dei prezzi e l’impossibilità di poter coprire tutte le richieste del mercato. Ricordiamo infatti che, mentre nel passato le corderie grandi e piccole erano alcune centinaia, ai giorni nostri quelle professionali (la cui produzione cioè sia di almeno di mille corde a settimana) si contano sul palmo di una mano.

 

E per quanto riguarda la loro sonorità?

Molto si è discusso sulla presunta superiorità acustica del budello Ovino (parliamo qui di quello tagliato in strisce, non di quello intero, che è effettivamente superiore a tutto) ma queste motivazioni sono però prive di rigore scientifico.

Ecco i fatti: la qualità sonora di una corda dipende unicamente dal peso specifico del materiale e dal suo modulo elastico. Il peso specifico tra le due tipologie di budello (ovino e bovino) è il medesimo (si tratta alla fine sempre di proteine di collagene); per quanto riguarda l’elasticità, invece, essa è unicamente legata al modo in cui viene realizzata la corda (il grado di torsione è uno dei parametri meccanici) ma soprattutto che processi chimici sono stati utilizzati; questi sono il vero segreto di quest’arte, e sono custoditi gelosamente dalle corderie professionali.

Così è possibile ottenere ottime corde di manzo, pessime corde di agnello, e viceversa.

Le nostre corde di manzo sono realizzate mediante un sapiente mix tra le tecniche moderne (laddove serve riproducibilità, stabilità del prodotto e forte produttività) e quelle antiche (laddove invece si tratta di raggiungere la migliore resa acustica e durata nel tempo del prodotto).

 

Vivi felice

Mimmo Peruffo